Visitor Q

Scritto da: il 26.04.09
Articolo scritto da . Mi chiamo Alessandro Puglisi, sono nato nel 1985 a Catania. Sono cresciuto a pane ed arte, nelle sue più varie espressioni. Inguaribile lettore e cinefilo, amo ciò che riesce a lasciarmi un segno.

29qfwwjInauguro questo spazio parlando di quella che mi sembra una delle pellicole più visionarie degli ultimi anni: mi sto riferendo a Visitor Q (Bijitâ Q, 2001) di Takashi Miike.

La storia di questo film, uscito esclusivamente per il mercato dell’home video, è, per grandi linee, quella di un reporter squattrinato e della sua famiglia. Niente di che, direte voi. Sì, se non fosse che il protagonista ha rapporti sessuali abituali con la figlia, e per confezionare le sue inchieste riprende il figlio minore che subisce angherie dai compagni di scuola, mentre a casa la moglie si droga e si prostituisce. In questo contesto si inserisce per di più uno sconosciuto (il “visitatore” del titolo) che ha come simpatico hobby quello di dare pietrate in testa alla gente. Il riferimento a Teorema di Pier Paolo Pasolini (per la funzione dello “straniero”) mi sembra imprescindibile. Quello dipinto da Miike è dunque un quadro di assoluta devianza, che del resto si inserisce perfettamente nella sua poetica di rappresentazione dell’estremo e dell’atipico.


L’opera è un concentrato di elementi che puntano piuttosto scopertamente a “disturbare”, conditi da quell’ironia che i fan di Miike conoscono già, e che chi si avvicinerà a questo cineasta imparerà presto ad apprezzare o ad odiare.

Una cosa importante da sapere è relativa alla spaventosa prolificità di questo regista, il quale riesce a sfornare anche quattro-cinque lungometraggi l’anno, ovviamente tutti realizzati “low-budget” e girati in pochissimo tempo. Non opere della massima accuratezza, dunque, ma pellicole animate da idee di fondo assolutamente apprezzabili nella loro particolarità.

Scena da ricordare (ritratta anche nella locandina): l’uomo che succhia dal seno della moglie all’interno di una serra.

Di seguito un video con due scene tratte dal film:

Immagine anteprima YouTube
  • http://www.v6x.net/amazon-coupon/ Amazon Coupon

    Hands down, Apple’s app store wins by a mile. It’s a huge selection of all sorts of apps vs a rather sad selection of a handful for Zune. Microsoft has plans, especially in the realm of games, but I’m not sure I’d want to bet on the future if this aspect is important to you. The iPod is a much better choice in that case.

carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple