Tutti gli articoli su oren peli

Paranormal Activity 2

Scritto da: il 23.10.10 — 822 Commenti
15000 dollari: questo il budget di Paranormal Activity (di cui avevo parlato qui), mockumentary horror con cui Oren Peli, regista di origini israeliane, nel 2007, ha inaugurato quella che sembra avere tutte le carte in regola per diventare una saga. Adesso, a distanza di tre anni, il budget è aumentato considerevolmente, arrivando a 3 milioni di dollari, alla regia c'è Todd Williams (sebbene in passato fosse trapelato il nome di Kevin Greutert, regista di Saw VI), ma lo spirito di fondo è sempre lo stesso. Allo stesso tempo prequel e sequel (meglio non rivelare altro), questo secondo episodio vede un'intera famiglia minacciata da una "presenza" oscura e subdola. Non molto altro da dire sulla trama: in questo caso non importa. Ciò che importa è il dispositivo di tensione messo in campo; ancora un sistema di ripresa a circuito chiuso e ancora riprese giustapposte, una dopo l'altra, a mo' di documentario, e ancora videocamere che riprendono immagini riprese da altre videocamere. **ATTENZIONE: Spoiler dopo il salto** Paranormal Activity 2 colpisce al cuore il nido borghese e, ri-mostrandone ossessivamente i locali, lo carica di nuovi significati. Stavolta non c'è troppa aria in testa nella quale "insertare" il mostro dai denti aguzzi; la tensione diegetica proviene dall'interno stesso del fotogramma. Ad ogni "notte", un particolare della realtà riprodotta si disarticola ed alimenta la narrazione/documentazione. Il punto di rottura della tensione arriva tutto sommato presto, scaricandosi in un finale che preannuncia nuove faville (o almeno questo è quanto spero con tutto il cuore :)). Insomma, l'attività paranormale colpisce ancora. SCENA DA RICORDARE 1: Gli sportelli della cucina che si aprono tutti contemporaneamente in pieno giorno. :) SCENA DA RICORDARE 2: La madre di famiglia trascinata giù per le scale, che ricorda la magnifica "spider walk" de L'esorcista.  :)

Paranormal Activity

Scritto da: il 10.02.10 — 183 Commenti
Parto da una considerazione spicciola: preferisco la locandina americana, di questo Paranormal Activity. Quella nostrana fa molto "horror fighetto" e anche un po' The Eye (molto a sproposito, nei confronti di quell'opera :D). Detto ciò: il film l'ho visto già da alcuni giorni, ma mi sono riservato di attendere commenti che mi avrebbero fatto ridere. Commenti che puntualmente sono arrivati, senza neanche farmi attendere troppo. Ad ogni modo, evitando di scendere nei dettagli, già all'interno della sala stessa, poco dopo la proiezione: «E questo film ha terrorizzato l'America?», risatine nervose e stizzite, "bah" e commenti poco nobili; e ancora, su Facebook, gente indignata per un film così stupido, "bestia". Miei cari, cosa vi aspettavate? Mostri che escono «dalle fottute pareti» (cit.)? Donne procaci con magliette bagnate in fuga da nerboruti con sega elettrica incorporata? Questo è un film che lavora di sottrazione: troupe ridotta al minimo, due protagonisti (tre, volendo fare una battuta caustica), minimalismo, non-detto e non-visto a go go. Il film va a segno, trasmettendo non tanto "terrore" o "spavento", quanto quella sensazione di malsano, quella malattia invisibile che si nutre, appunto, di ciò che non si vede. Adesso, ai cari detrattori: perché non vi è piaciuto? Argomentate, per favore, non vi limitate a snobbare. Su, coraggio. ;)

Trailers – Paranormal Activity

Scritto da: il 28.10.09 — 36 Commenti
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=F_UxLEqd074[/youtube] Paranormal Activity sarà distribuito anche in Italia, da Filmauro, a partire dal 5 febbraio 2010. Paura? :P
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple