Tutti gli articoli su hideo nakata

Dark Water

Scritto da: il 09.05.09 — 102 Commenti
Dark Water (Honogurai mizu no soko kara) è un film del 2002, di Hideo Nakata, tratto dal racconto Floating Water (Fuyū Suru Mizu), contenuto all'interno della omonima (rispetto al film) antologia, edita nel 1996, di Koji Suzuki, da più parti definito "lo Stephen King giapponese". La pellicola (di cui qui accanto potete vedere la copertina dell'edizione giapponese in dvd) è una ghost story all'orientale nel senso più proprio della locuzione, e racconta la storia di una giovane donna da poco divorziata e della figlia, che ti trasferiscono in un nuovo appartamento, all'interno di un vecchio palazzo.  Tutto sembra andare normalmente, fino a quando dal soffitto non comincia a colare dell'acqua, da una grossa macchia di umidità. Questo sarà solo il primo di una serie di inquietanti eventi che faranno luce su misteriosi avvenimenti accaduti all'interno del palazzo e legati, in qualche modo, alle vite delle protagoniste. Hideo Nakata dirige con sicurezza, inserendosi con successo in quel filone horror che preferisce accumulare più lentamente i particolari significativi ai fini del plot, ma in maniera inesorabile, contribuendo a creare una tensione sotterranea dovuta, più che a ciò che viene mostrato, a quanto è soltanto suggerito. Il risultato è un'atmosfera di malattia, di disfacimento. Molto è anche dovuto all'ottima fotografia, livida, decadente, che fa apparire gli ambienti all'interno dei quali si muovono i personaggi come segnati da una traccia invisibile ma indelebile. Qualora non lo conosciate già, è un film da recuperare.
carlo lo re Violetta Lima Luciana Cameli Livia Di Pasquale Leandro Perrotta Ignazio Del Campo Fabiola Foti Alessandro Puglisi
Design & GUI by Mushin | Many Thanks to FamFamFam (icons) & Komodomedia (icons) & chrfb (icons) | WebStrategist (area test) | Hosted by MediaTemple